• Museo Della Guerra BiancaLa nuova sede del Museo
  • Forte Montecchio NordLa fortezza della Prima Guerra Mondiale meglio conservata in Europa
Sabato, 21 Gennaio 2017 12:28

Presentazione alla Libreria Militare di Milano

Scritto da Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Libreria Militare Milano - INCONTRI Paolo Marini

La Libreria Militare è lieta di invitarvi GIOVEDI' 26 GENNAIO - ore 18,15 all'incontro con PAOLO MARINI curatore, per i tipi del Museo della Guerra Bianca in Adamello, della nuova edizione de

L'IMPRESA DELL'ADAMELLO. 

Stato Maggiore della 5a Divisione di fanteria, aprile-maggio 1916

di Alberto Cavaciocchi

 Il volume, curato da Paolo Marini e, per la parte fotografica, da Marco Ghizzoni, John Ceruti e Walter Belotti, è la stampa integrale della relazione e, per la prima volta, di tutti gli allegati tecnici della vasta documentazione prodotta nel 1916 per la preparazione e l’esecuzione delle battaglie della primavera del 1916 condotte sull’Adamello. Il volume è frutto della collaborazione con il Museo del Risorgimento di Milano (che conserva i documenti originali) e del Museo della Guerra Bianca che ha curato la trascrizione integrale dei testi e ha realizzato l’accurata documentazione fotografica con oltre 190 immagini d’epoca specificatamente inerenti i fatti d’arme citati nei testi.

Le vicende narrate dall’autore, Alberto Cavaciocchi, comandante della 5ª divisione di fanteria posizionata sul fronte lombardo della Grande Guerra, costituiscono gli episodi più emblematici della Guerra Bianca. Una guerra atipica, lontana dall’immaginario collettivo tramandato fino ai giorni nostri fatto di assalti alla baionetta con molte migliaia di uomini coinvolti. La guerra in montagna, mai prima combattuta a tali altezze, richiedeva nuove regole, nuove tattiche che gli eserciti non avevano mai applicate prima, dotandosi quindi di strumenti bellici e logistici innovativi. Tuttavia il significato più umano e profondo della “Guerra Bianca” va oltre l’aspetto militare. Esso affonda le proprie radici nello spirito e nel sacrificio degli uomini che quella guerra hanno combattuta in condizioni a volte spaventose, affrontando un nemico comune spesso molto più pericoloso delle pallottole e delle granate avversarie: riuscire cioè a sopravvivere con temperature polari fino a oltre 35 gradi sottozero, con le valanghe che seppellivano interi reparti in marcia verso le posizioni più elevate, ove gli uomini erano costretti per lunghi periodi in condizioni igieniche e sanitarie oggi inimmaginabili.

Per informazioni:  Libreria Militare sas di Angelo Luigi Pirocchi & C. Via Morigi, 15 20123 Milano Tel/fax  0039 02 89010725   E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 987 volte Ultima modifica il Domenica, 29 Gennaio 2017 16:56