• Museo Della Guerra BiancaSala espositiva
  • Museo Della Guerra BiancaSala baracca
Sabato, 28 Settembre 2013 17:51

Archivio fotografico

L'Archivio Fotografico del Museo della Guerra Bianca in Adamello comprende alcune migliaia di immagini relative ai vari aspetti (vita, eventi, manufatti, oggetti, ecc.) della Prima Guerra Mondiale combattuta sul fronte italo-austriaco, con particolare riferimento ai settori operativi d'alta e media quota compresi tra Lombardia e Trentino Alto Adige, dal Passo dello Stelvio al Lago di Garda.

Archivio Infotelematico della Grande Guerra in Lombardia Per studenti e ricercatori l'accesso alla consultazione dei materiali presso la sede dell'Archivio, a Temù, è libero, salvo preventivo accordo con il personale incaricato della gestione dell'Archivio.

Parte del materiale fotografico del Museo è accessibile tramite l'Archivio Infotelematico della Grande Guerra in Lombardia

L’Archivio fotografico è diviso in due Sezioni:

 

  • La Sezione Documentazione Storica: comprende immagini d’epoca riprese durante il conflitto e nei decenni successivi, fino al 1973, che documentano il conflitto nel corso del suo svolgimento e l’impatto che esso ha avuto sul territorio e sulla società dopo la sua conclusione.
  • La Sezione Documentazione Recente: comprende le immagini riprese a partire dal 1974, raccolte dagli operatori del Museo nell’ambito del continuo lavoro di documentazione del Patrimonio Storico della Prima Guerra Mondiale costituito dai innumerevoli manufatti ancora diffusi sul territorio e dai beni mobili presenti nelle collezioni.

La riproduzione delle immagini dell’Archivio Fotografico del Museo della Guerra Bianca in Adamello è subordinata ad alcune regole.

  • La richiesta deve avvenire in forma scritta, deve indicare chiaramente le generalità del richiedente e riportare la chiara indicazione di quali immagini si intendono riprodurre, in che forma, per quale scopo ed in quale contesto tematico esse saranno inserite. La richiesta è vagliata dal personale tecnico-scientifico del Museo che si riserva la possibilità di non accoglierla qualora ravvisi incompatibilità con gli scopi del Museo.
  • Ogni immagine pubblicata deve recare la chiara indicazione, per esteso, della fonte nella forma "© 1974-aaaa, Archivio fotografico del Museo della Guerra Bianca in Adamello, fondo Xxxx, inv. nnnn", dove aaaa è l’anno corrente, Xxxx è il nome del fondo di appartenenza dell’immagine, nnnn è il numero di inventario; ove noto è opportuno inserire il nome dell’autore della ripresa.
  • Il logo del Museo, individuato come fonte delle immagini, deve comparire, nella forma concordata con la direzione, nel colophon della pubblicazione, nel caso di pubblicazioni a stampa, oppure, nel caso di cartellonistica, una volta per ogni pannello contenente la o le immagini.
  • La riproduzione o, comunque, l’impiego dell’immagine può essere fatto una sola volta, esclusivamente dal richiedente e rigorosamente nei limiti dello scopo e delle modalità specificate nella richiesta e per cui sono state concesse.
  • Fatti salvi particolari accordi e convenzioni, la riproduzione è soggetta al riconoscimento dei diritti di riproduzione secondo il tariffario qui indicato:

    • - riproduzione di immagini a scopo di studio o tesi, senza pubblicazione:

      richiedente riprese ante 1973 riprese post 1974
      studenti, fino a 3 immagini gratis gratis
      studenti, ogni immagine oltre le prime 3 20 € cad. 10 €/cad.
      privati 40 €/cad. 20 €/cad.
    • - riproduzione di immagini per pubblicazioni o produzioni video e multimedia o comunque per qualsiasi forma di esposizione in pubblico (stampa, supporti multimediali, proiezione, ecc.):

      richiedente riprese ante 1973 riprese post 1974
      istituti culturali, musei, enti pubblici, studenti 60 €/cad. 30 €/cad.
      privati 80 €/cad. 40 €/cad.
      professionisti, case editrici, di produzione, ecc. 100 €/cad. 50 €/cad.
      enti convenzionati e accordi diversi secondo la convenzione o l’accordo
    • - non sono soggette al tariffario le eventuali immagini concesse a terzi per la promozione di eventi che coinvolgono direttamente il Museo (ad esempio per la realizzazione di depliant o locandine relativi a mostre, ecc.).
  • Le immagini sono generalmente fornite in formato digitale ad alta risoluzione (.tiff inscritta in un quadrato di 3100 pixels di lato) o media risoluzione (.tiff inscritta in un quadrato di 1024 pixels di lato), secondo la destinazione d’uso.
  • Nel caso di pubblicazioni, a lavoro concluso è richiesta, a cura del Direttore Amministrativo, la disponibilità di almeno tre copie per l’archivio del Museo; nel caso di opere di grandi dimensioni (antologie, enciclopedie, raccolte di articoli, ecc.) è sufficiente la disponibilità dell’estratto (saggio, voce, articolo) corredato dei dati bibliografici.

La definizione di regole specifiche nel caso di particolari accordi o convenzioni è demandata al Consiglio Direttivo che, sentito il personale Tecnico-scientifico del Museo, decide, valutando fra gli altri, anche i seguenti parametri:

  • il potenziale commerciale o comunque economico dello specifico impiego dichiarato nella richiesta ;
  • la reale possibilità di controllo che l'impiego sia conforme a quanto dichiarato e resti tale nel tempo;
  • analisi costi-benefici per il Museo e per il Patrimonio, in termini non esclusivamente economici.

Fatti salvi accordi soggiacenti con i donatori, per le immagini dell’Archivio Fotografico del Museo della Guerra Bianca in Adamello tutti i diritti sono riservati.

Le immagini sono documenti tutelati dalle leggi sul copyright, dalle leggi sui diritti d’autore e dalle disposizioni dei trattati internazionali: la loro riproduzione o distribuzione non autorizzata sarà perseguibile civilmente e penalmente nella misura massima consentita dalla legge in vigore.

Letto 9876 volte Ultima modifica il Mercoledì, 08 Giugno 2016 12:23
Altro in questa categoria: « La Guerra Bianca in Adamello