Lunedì, 24 Giugno 2013 17:00

Lungo i sentieri della Grande Guerra

Quinto appuntamento culturale itinerante che il Museo di Temù propone con l’intento di ricordare la Prima Guerra Mondiale combattuta e soprattutto vissuta ogni giorno, per quasi quattro anni, in Valle Camonica, guerra che ha segnato in modo indelebile i suoi abitanti, i suoi paesi, le sue montagne. Per questo motivo si vuole ricordare un tema un po’ sbiadito della storia di guerra sull’Adamello, per cercare, ancora una volta, di comprendere quegli uomini dell'uno e dell'altro fronte che diedero il meglio della loro gioventù per combattere una guerra certamente non desiderata e oggi salvare i manufatti, che sono la testimonianza più fedele e diretta di quanto lavoro e sacrificio vennero profusi, diventa un dovere nei confronti di coloro che, nell’inferno della guerra, avevano popolato le vette più inaccessibili delle nostre montagne.

Lunedì, 24 Giugno 2013 16:58

Alloggi e villaggi della Grande Guerra

Alloggi e villaggi della Grande Guerra
Alloggi e villaggi

Sesto appuntamento culturale itinerante che il Museo di Temù propone con l'intento di ricordare i temi, specialmente quelli meno noti, della Prima Guerra Mondiale combattuta e vissuta ogni giorno, per quasi quattro anni, sulle montagne del massiccio dell'Adamello, che fino ad allora erano una prerogativa di pochi e che oggi, grazie anche alle infinita rete di strade e sentieri costruiti proprio dai soldati, possono essere facilmente visitate con riverente rispetto.

Lunedì, 24 Giugno 2013 16:52

Adamello teatro di guerra

Adamello teatro di guerra
Adamello teatro di guerra

Nell'ambito dell'attività culturale dell'anno 2002, il Museo della Guerra Bianca in Adamello di Temù ha proposto una mostra fotografica dedicata alle montagne del massiccio dell'Adamello, in occasione dell'Anno Internazionale della Montagna.
Nel 2004, in occasione della Giornata Internazionale della Montagna (11 dicembre), la mostra è stata riordinata per essere esposta al Complesso del Vittoriano, a Roma.

Lunedì, 24 Giugno 2013 16:33

Logistica

I servizi di trasporto logistico sull'Adamello

Nell'ambito dell'attività culturale per la stagione estiva del 2003, il Museo della Guerra Bianca in Adamello ha riproposta la mostra fotografica realizzata nel 1996. Si tratta certamente di un evento inconsueto per il Museo, solito a presentare rassegne tematiche sempre nuove, ma si è voluta accontentare la forte richiesta che da tempo giungeva dai visitatori.

Lunedì, 24 Giugno 2013 16:29

Dallo Stelvio al Garda I

Dallo Stelvio al Garda (I), alla scoperta dei manufatti della Prima Guerra Mondiale

Dallo Stelvio al Garda, alla scoperta dei manufatti della Prima Guerra Mondiale La mostra propone un itinerario fra le testimonianze di architettura militare della Grande Guerra, combattuta sulle montagne comprese tra il Passo dello Stelvio e il Lago di Garda. Un percorso per riscoprire particolari poco noti ma essenziali di quella drammatica pagina della storia che fu chiamata Guerra Bianca.

Dallo Stelvio al Garda II, alla scoperta dei manufatti della Prima Guerra Mondiale

Dallo Stelvio al Garda (II), alla scoperta dei manufatti della Prima Guerra Mondiale La sequenza di immagini costituisce il seguito della mostra allestita nel 2004. La nuova mostra del 2005 propone un percorso ideale nella storia e nella natura lungo i 170 chilometri del fronte di guerra lombardo. Frutto del lavoro del Parco Culturale Integrato "La guerra Bianca: il suo territorio, le sue genti" sulle testimonianze di architettura militare della Grande Guerra, accompagna la pubblicazione del secondo volume di Walter Belotti sugli itinerari di turismo culturale dedicati alla scoperta ed alla valorizzazione del ricchissimo patrimonio storico e naturalistico presente in Lombardia dal Passo dello Stelvio al Lago di Garda.

Venerdì, 10 Maggio 2013 17:13

Sabato 18 maggio 2013

Manifesto Serata VetriniL'Associazione Nazional Alpini, gruppo di Albate, sezione di Como invita a:

"Una meraviglia quando la storia è racchiusa in un frammento di vetro"

Relatori:

Achille Gregori (ex-presidente sezione ANA di Como)

Antonio Trotti (conservatore del Museo della Guerra Bianca)

Immagini e testimonianze della I Guerra Mondiale al Fronte e a Como Sabato 18 maggio ore 21 presso la Sala della Comunità Via Sant'Antonino, 47 Albate (Co)

Sabato, 13 Aprile 2013 16:39

Forte di Fuentes

Il Forte di Fuentes sorge sul Montecchio Est, nel Pian di Spagna. Fu costruito tra il 1601 e il 1605. nel 1603 però il Forte era già attivo nonostante restassero da terminare alcune strutture. Gli ultimi lavori (in particolare la Chiesa di Santa Barbara) furono terminati nel 1608.
Il Forte fu voluto dal governatore spagnolo di Milano, Don Pedro Enriquez de Acevedo, Conte de Fuentes, per difendere il confine con i Grigioni che allora si trovava a poca distanza da Colico. La posizione del Forte è strategica poiché, trovandosi alla confluenza di Val Chiavenna e Valtellina, può agevolmente controllare le due direttrici.

Sabato, 13 Aprile 2013 16:37

Museo di Temú

Dal luglio 2011 è aperta al pubblico la nuova sede espositiva di Temù: qui sono esposte molte centinaia di oggetti recuperati direttamente sul terreno, presentati con testi e immagini storiche che aiutano il visitatore a comprendere gli elementi più caratteristici della Guerra vissuta e combattuta in alta quota: il muoversi e l’abitare, la sopravvivenza al clima, l’uso delle armi, dell’artiglieria, dei sistemi di trasporto e delle diverse attrezzature per la montagna, la vita di trincea in condizioni estreme, la sofferenza e, infine, la morte.

Alla base della realizzazione del nuovo stabile e del nuovo percorso espositivo c’è uno specifico progetto scientifico sviluppato dalla Commissione Tecnico-scientifica del Museo sia per valorizzare al meglio le peculiarità delle collezioni del Museo, sia per soddisfare gli standard di qualità regionali e ministeriali relativi ai servizi museali, in particolare l’ “Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei(D.Lgs. N.112/98 art.150 comma 6 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali).

La missione specifica cui tende il progetto scientifico del nuovo allestimento consiste nella valorizzazione degli elementi caratteristici della Guerra Bianca, “guerra di uomini, animali e materiali, combattuta per quattro anni sulle più alte quote di tutti i fronti della Prima Guerra Mondiale”. Tale assunto di base è stato il criterio informatore delle innumerevoli scelte fatte nel corso dell’attività progettuale sia per quanto riguarda il percorso espositivo sia per l’organizzazione della nuova struttura operativa. La presentazione al pubblico di beni musealizzati non può prescindere dallo studio approfondito del loro contesto originario. Anche alla luce delle esperienze espositive innovative di altri musei storici europei, il percorso di visita è stato realizzato in modo che risulti didatticamente coinvolgente nell’ambito di un corretto rapporto spazi-immagini-suoni: esso deve infatti facilitare al visitatore la comprensione delle valenze associate agli oggetti senza distorcerne la realtà in rappresentazioni coreografiche troppo spinte. A questo è stata associata la necessità primaria e imprescindibile della corretta conservazione dei beni attraverso opportuni sistemi di sicurezza e di controllo ambientale.  

La nuova sede offre:

  • un’esposizione museale permanente sviluppata secondo i massimi criteri di qualità dedicata alla Guerra Bianca;
  • un’ampia sala per le esposizioni temporanee e per il collegamento tra l’ esposizione museale permanente e il patrimonio diffuso sul territorio della Lombardia;
  • una biblioteca-archivio specializzata sul patrimonio e sulla storia della Grande Guerra in Lombardia con sala di consultazione;
  • un’aula didattica per lo svolgimento di laboratori e altre attività con le scuole e per il supporto alle attività di formazione interna ed esterna;
  • una sala conferenze da 99 posti per lo svolgimento di conferenze, video-proiezioni, seminari, attività di formazione interna ed esterna e attività per le scuole;
  • un bookshop dedicato alla vendita di libri e prodotti multimediali relativi alla storia della Guerra Bianca, al patrimonio storico-militare della Lombardia ed al patrimonio ambientale, culturale e paesaggistico di Valle Camonica e Valtellina;
  • una reception per l’accoglienza dei visitatori del Museo destinata a funzionare anche da front-office e, eventualmente, da punto informativo per le realtà degli Enti Parco presenti sul territorio.




Sabato, 13 Aprile 2013 16:35

Forte Montecchio Nord

Dal 2 marzo 2009 la magnifica struttura di Forte Montecchio Nord a Colico è stata affidata dal Comune di Colico al Museo della Guerra Bianca per realizzarvi una nuova sede museale dedicato alla Grande Guerra in Lombardia ed il relativo centro studi e documentazione.