• Museo Della Guerra BiancaLa nuova sede del Museo
  • Forte Montecchio NordLa fortezza della Prima Guerra Mondiale meglio conservata in Europa
Lunedì, 04 Novembre 2013 11:36

Calcinato, Zona di Guerra

Due importanti risultati del progetto di ricerca “Calcinato, Zona di Guerra”: la rettifica degli elenchi ufficiali dei caduti della Grande Guerra e la riabilitazione dei disertori

Attraverso lo sviluppo del progetto di ricerca "Calcinato, Zona di Guerra" curato dal ricercatore Mauro Pellegrini e grazie anche alla sensibilità del Consiglio Comunale di Calcinato, si è potuto marcare un segno di riconciliazione tra passato e presente, e giungere ad un risultato che crea un precedente a livello nazionale, ed a quasi un secolo di distanza dalla Grande Guerra consente di rendere tangibile testimonianza ai molti caduti "dimenticati" ed a quelli intenzionalmente "omessi" dai monumenti eretti nel primo dopoguerra in quanto disertori, renitenti, autolesionisti ed ammutinati; o perché subirono condanne indiziarie contumaciali per diserzione e morirono in campo di prigionia prima della fine della guerra senza essere poi "riabilitati".

Grazie all'incrocio di fonti documentarie diverse è stato possibile quantificare correttamente il numero di questi caduti, che, a Calcinato, risultano essere
in totale ben 31, di questi 29 "dimenticati" e 2 "omessi". Questi ultimi, un disertore conclamato ed uno indiziario-contumaciale. Questi 31 caduti sono stati commemorati nella seduta del Consiglio Comunale di Calcinato lo scorso 28 novembre 2012, nella quale è; stata votata all'unanimità la delibera che, modificando l'Elenco Ufficiale dei Caduti li aggiunge a pieno diritto agli 83 già perpetuati nel monumento eretto nei primi anni '20.

A questo link [file pdf 102kb] alcuni approfondimenti.